Pagine

martedì 22 settembre 2009

Blat: mail automatiche da Windows

Premessa

Ci sono delle situazioni in cui si desidera l'invio di mail in maniera automatica.
In ambiente Linux e MacOSX questa è una operazione molto semplice grazie al comando mail.
In ambiente Windows, al contrario, non esistono dei programmi all'uopo integrati nel sistema.
Questa esigenza è particolarmente sentita da coloro che amministrano server o macchine remote con windows delle quali, magari, si vuol conoscere periodicamente lo stato di salute o informazioni di varia natura.
Un'altra situazione può essere l'utente che vuole spedire delle newsletter a coloro che sono abbonati al proprio sito web etc etc etc.
In questo articolo vi parlerò di Blat, un ottimo programmino che risponde a queste esigenze in ambiente Windows.

Blat: invio di mail da Prompt MsDOS

Blat è una piccola utility gratuita che funziona da linea di comando e consente di inviare e-mail singole o a più utenti contemporaneamente (tipo newsletter).
Gli autori informano che è possibile usarla anche per fare dello SPAM ma, in questo caso, è necessario pagare 10.000$ agli autori stessi.
Ad un messaggio creato con Blat si possono allegare testi o file in generale con codifica qualsiasi ma non è finita qui.
E' anche possibile mandare mail a server NNTP (server newsgroup) ed in generale qualsiasi tipo di mail siamo abituati a spedire con il nostro programma di posta, blat può inviarlo da linea di comando.
Con delle discrete capacità di programmazione lo si può facilmente integrare all'interno di script che elaborino dei dati ed inviino un report a vari destinatari e qualsiasi cosa la fantasia possa suggerire.

Download e installazione di BLAT

Il sito Web principale di questo
tool è: http://www.blat.net

Da qui è possibile scaricarlo ed installarlo tenendo conto che con poco meno di 100kb avrete un programma di invio mail pienamente funzionante.
Per l'installazione è sufficiente copiare l'esegubile nella cartella
C:\Windows
oppure C:\Windows\System32

Prima di inviare mail con Blat, però, è necessario procedere con una breve configurazione tramite il prompt dei comandi (si da per scontato che l'utente sappia aprire il prompt).
Tale configurazione consiste nell'informare il programma quale sia il Server SMTP di riferimento ed il nome
del mittente che apparirà a chi riceverà le future mail.
Per far ciò si può digitare un comando come segue:

blat -install mail.server.it prova@server.it

Dove mail.server.it è l'indirizzo del vostro server SMTP e prova@server.it
è l'indirizzo del mittente delle e-mail.
Se tutto è andato a buon fine, Blat risponderà che il server SMTP è stato impostato.
Purtroppo queste informazioni di profilo saranno immagazzinate nel registro di Windows e questo implica che se non siete amministratori del sistema sarete interdetti da tali modifiche.

Spedire un'e-mail con Blat

A questo punto tutto è pronto.
Possiamo cimentarci con il primo invio di mail:

blat - -to altraprova@gmail.it -subject "Prova" -body "Hello World"

Questa linea di comando è composta da quattro parametri:

  • (-) il trattino iniziale comunica al programma che il corpo del messaggio non sarà un file di testo ma seguirà una opzione -body.
  • -to comunica l'indirizzo mail del destinatario
  • -subject specifica l'oggetto della mail
  • -body da usare in concomitanza con il trattino iniziale: specifica il corpo del messaggio

Se invece del trattino iniziale si desidera scrivere un messaggio su un file di testo e spedirlo come corpo della mail, possiamo variare il comando precedente come segue:

blat prova.txt -to altraprova@gmail.it -subject "Prova"

In questo caso abbiamo specificato che il corpo dell'e-mail dovrà essere
preso dal file prova.txt
Oltre alle opzioni specificate in questo breve articolo ve ne sono molte altre disponibili. Come sempre accade per questo tipo di utility, esiste una opzione di help che ci viene in aiuto:

blat /?

Come detto precedentemente questo strumento è utilissimo soprattutto se inserito nel contesto di uno script.
Sicuramente colma una lacuna, secondo me enorme, del sistema operativo in questione che non prevede uno strumento integrato che risponda a questa esigenza.

1 commento: